Come evitare i problemi con il personale

Come evitare i problemi nella gestione del personale dal tempo ZERO

Hai assunto il collaboratore perfetto e, col tempo, hai iniziato a riscontrare anche i problemi nella tua gestione del personale?
“Sembrava fosse amore e invece era un calesse”, ma presto hai iniziato a vedere quel collaboratore con occhi diversi. Svanisce il luccichio e iniziano le prime incomprensioni.
Eppure quando lo ha assunto aveva tutte le carte in tavola.
E poi invece: “è bravo, ma non mi piace il suo atteggiamento”; “fa sempre di testa sua”; “non è in linea con lo spirito del team”.

Come prevenire i problemi nella gestione del personale dal punto ZERO

Spesso è più la selezione del personale che crea questi problemi piuttosto che la gestione in se.

1) Durante i colloqui valuti prevalentemente le competenze tecniche

In una grande azienda l’incompetenza di una persona può in qualche modo essere mitigato da altri fattori. L’inefficienza di una risorsa in una piccola impresa, invece, può lasciare enormemente il segno.

Allora, nel valutare un nuovo collaboratore, l’imprenditore si focalizza in special modo proprio sugli elementi legati alla preparazione, all’esperienza, in altre parole alle competenze.

Nelle grandi aziende i responsabili della funzione fanno il colloquio alla nuova risorsa e di conseguenza sono in grado di valutare le specificità più tecniche. In una PMI, invece, non sempre l’imprenditore ha le conoscenze per valutare alcune professionalità. Se è più semplice valutare l’esperienza di un commerciale nello stesso settore, potrebbe essere più complesso valutare anche solo le competenze di una figura amministrativa.

Ma il punto non è i problemi nella futura gestione del personale dipendono molto di più da un altro aspetto.

2) Durante il colloquio non valuti alcuni parametri che possono creare ancora più attriti

Potresti anche scoprire che il nuovo collaboratore non è poi così esperto come diceva. Per fortuna per questo esiste la buona volontà e soprattutto la formazione per colmare le lacune in alcuni casi anche molto velocemente.

Invece ci sono delle specifiche caratteristiche che è molto più complesso cambiare e influenzare.

Per esempio difficilmente valuta:

A – quanto la nuova persona sia allineato quello che è importante per l’imprenditore

Difficilmente ci si focalizza su quanto la persona comprenda e condivida i valori aziendali, quanto comprenda la vision dell’azienda.

La maggio parte delle volte non è possibile perché l’imprenditore, preso dai problemi di tutti i giorni, sottovaluta di prestare attenzione a questi aspetti.

Ancor prima, spesso, non ha consapevolezza di questi aspetti. Di conseguenza, non può valutare se la persona, così tanto preparata a livello tecnico, sia allineata con quello che è così importante per l’imprenditore.

B – come la nuova risorsa abbia uno stile di comportamento compatibile. con quello dell’imprenditore

Ognuno di noi ha uno stile di comportamento. In realtà ognuno di noi utilizza prevalentemente uno stile di comportamento che comprende per esempio il come preferiamo comunicare. C’è chi per esempio quando parla fornisce più dettagli a volte a tal punto da sfinirti e altri che invece parlano in modo più asciutto. Alcuni per esempio sono più assertivo di altri. Oppure qualcuno è più pragmatico di qualcun altro.

Quando gli stili sono diversi, soprattuto se non si ha una buona gestione dello stato emotivo, il confronto spesso diventa personale e insorgono i problemi.

Valutare come lo stile di comportamento della nuova risorsa vuole dire

  • innanzitutto prendere consapevolezza di quale è il proprio stile di comportamento prevalente
  • notare lo stile di comportamento della nuova risorsa e valutare se arricchisce il proprio e, soprattutto, considerare come questo si amalgama con quello del team

3) Incarichi qualcun altro per la selezione del personale

Spesso l’imprenditore assegna la selezione del personale ad una persona esterna.

Nella maggior parte dei casi è assolutamente in grado di valutare le competenze tecniche. Non sempre invece può valutare aspetti come i valori, la vision. Come pure, spesso, non è in grado di valutare quanto lo stile. di comportamento della persona si amalgami nel team.

Di conseguenza non è in grado, selezionando qualcuno, di valutare se potrebbero verificarsi problemi introducendo nel personale il candidato e quindi nella sua gestione.

4) Poi ci sono loro...

A volte l’imprenditore non seleziona neppure il collaboratore. Ne ha troppo bisogno e quindi la selezione è quasi – con il massimo rispetto – una selezione lampo.

Oppure l’imprenditore conosce qualcuno che conosce qualcuno e allora “almeno è di famiglia”. A volte nella gestione della propria azienda si preferisce prendere qualcuno che faccia parte della propria sfera personale e non si pensa che questo potrebbe indurre dei problemi.

Tutto cambia

La verità vera è che le aziende evolvono esattamente come ognuno di noi evolve. Capita allora che cambino i valori importanti per l’imprenditore o per il collaboratore. Oppure capita che cambi lo stile con cui vogliamo impostare la nostra attività.

Allora capita di trovare davvero un collaboratore perfetto, ma che questo con il tempo non lo sia più. Succede che sopravvengano i problemi e che non ci si capisca più perchè fondamentalmente ognuno guarda le cose con i propri occhi.

Ma il personale è a tutti gli effetti un fattore determinante nel rischio imprenditoriale. Di conseguenza l’imprenditore resta il responsabile della gestione del personale e dei problemi.

Cosa puoi fare

Per affrontare i problemi di gestione del tuo personale, devi innanzi tutto partire da un lavoro di grande consapevolezza.

Da una parte

  • estrarre i valori aziendali e la vision della tua azienda
  • ancor prima valutare quali sono i propri (che dovrebbero essere congri con quelli aziendali)
  • vivere in modo congruo questi aspetti perché tu sia in primis un esempio per tuoi collaboratori

Dall’altra

  • comprendere quale sia il tuo stile di comportamento e imparare ad individuare quello delle persone che lavorano per te;
  • condividere con loro quello che vuoi e come lo vuoi.

Soprattutto ricorda: per quanto sia difficile devi prenderti carico degli eventuali problemi esattamente come se fosse una qualsiasi attività della gestione della tua azienda perchè non c’è nulla di personale in tutto ciò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: